trionfo di Hindley, a Sobrero la crono di Verona

Dopo aver agganciato la vetta nel pomeriggio di ieri, Jai Hindley ha conservato la leadership proclamandosi così campione dell’edizione numero 105 del Giro d’Italia. Si tratta del primo australiano a conquistare la Corsa Rosa dopo il terzo posto di Evans nel 2013. La differenza l’ha fatta in salita, soprattutto in occasione della tappa del Blockhaus, dove ha vinto e che ha rappresentato la svolta nel suo inseguimento al successo. Il corridore della Bora Hansgrohe, di cui è diventato capitano nel corso di questa manifestazione, ha sovvertito i pronostici, scavalcando il più accreditato Richard Carapaz praticamente al fotofinish e centrando un trionfo storico. L’ecuadoriano ha chiuso in seconda posizione, mentre sul gradino più basso del podio si è issato Mikel Landa. Applausi per lo Squalo, Vincenzo Nibali, che alla sua ultima partecipazione al Giro ha strappato un ottimo quarto piazzamento.

La crono individuale e ultima frazione della gara, invece, è andata nelle mani di Matteo Sobrero, quinto italiano a vincere una delle 21 tappe in porgramma quest’anno. Nella splendida cornice di Verona, il piemontese ha fatto registrare il miglior tempo, terminando i 17,4 chilometri previsti in 22’24”, anticipando di pochi secondi Thymen Arensman. Dando un’occhiata ai risultati delle altre graduatorie, Arnaud Demare si è piazzato davanti a tutti nella classifica a punti (maglia ciclamino). Koen Bouwman, poi, ha avuto la meglio in quella scalatori (maglia azzurra). Juan Pedro Lopez ha trionfato nella classifica giovani (maglia bianca) dopo essere stato a lungo maglia rosa. Infine, la Bahrain Victorious si è fregiata del titolo di squadre vincitrice.

La classifica finale

  1. Jai Hindley 86h 31′ 14”
  2. Richard Carapaz +1’18”
  3. Mikel Landa +3’24”
  4. Vincenzo Nibali +9’02”
  5. Pello Bilbao +9’14”
  6. Jan Hirt +9’28”
  7. Emanuel Buchmann +13’19”
  8. Domenico Pozzovivo +17’29”
  9. Hugh Carthy +17’54”
  10. Juan Pedro López +18’40”
  11. Alejandro Valverde +23’24”
  12. Lorenzo Fortunato +33’15”

L’ordine d’arrivo della ventunesima tappa

  1. Matteo Sobrero 22′ 24”
  2. Thymen Arensman +23”
  3. Mathieu van der Poel +40”
  4. Bauke Mollema +1’08”
  5. Ben Tulett +1’12”
  6. Mauro Schmid +1’17”
  7. Magnus Cort Nielsen +1’18”
  8. Tobias Foss +1’19”
  9. Michael Hepburn +1’24”
  10. Richard Carapaz +1’24”

Author: webmaster

Leave a Reply

Your email address will not be published.