il day after di Juventus-Inter – Stanleybet News

Nella serata dell’Allianz Stadium, il derby d’Italia si è concluso con la vittoria di misura dell’Inter sulla Juventus grazie a un rigore trasformato da Calhanoglu. Era l’incontro più atteso dell’intero fine settimana calcistico italiano e anche in campo le due squadre hanno confermato la tensione che aleggiava da giorni. Stilisticamente la partita non è stata impeccabile. Infatti, si è registrato un alto numero di errori sia da una parte che dall’altra. Tuttavia, sono stati raggiunti picchi altissimi di agonismo durante tutti i novanta minuti di gioco. La vivacità, spesso accompagnata da poca logica, dei padroni di casa è stata controbilanciata dall’attendismo della truppa di Inzaghi, che al tirar delle somme si è rivelato una scelta vincente.

La posta in palio era altissima. Chi sarebbe uscito sconfitto dal terreno di gioco avrebbe abbandonato la possibilità di lottare per il titolo. E con molta probabilità i bianconeri si sono definitivamente sfilati dalla corsa scudetto, come sottolineato, anche con una nota di sarcasmo, dallo stesso tecnico Massimiliano Allegri nell’immediato post-gara. Come spesso capita quando questi due club si affrontano, non sono mancate le polemiche che hanno avvolto la contesa, dettate anche da innumerevoli episodi dubbi. A partire dal penalty concesso ai nerazzurri. In presa diretta, l’arbitro Irrati non aveva punito il pestone di Morata su Dumfries. Poi, dopo il consulto con l’on field review, ha sovvertito la precedente decisione. Al primo tentativo dal dischetto Calhanoglu si è fatto ipnotizzare da Szczesny, la sfera poi è finita in rete dopo un batti e ribatti, ma il direttore di gara ha annullato per un fallo del turco. Dal VAR, però, gli comunicato che il tiro dagli undici metri va ripetuto per la presenza di area di alcuni giocatori juventini. Alla seconda chance l’ex Milan non ha sbagliato.

Nella ripresa, ci sono state le proteste bianconere per un fallo di Bastoni a cavallo della linea laterale dell’area. Irrati ha assegnato la punizione dal limite, decisione confermata anche dal VAR. Insomma, se lo spettacolo a livello tecnico non è stato all’altezza del blasone di cui questa contesa è portatrice, la sfida ha potuto comunque accendersi grazie all’intensità e ai toni caldi che l’hanno contraddistinta. Ora la classifica recita Inter a quota 63 punti (con un match da recuperare) e Juventus a 59, costretta a interrompere la striscia di risultati utili in campionato, fermatasi a 16.

Author: webmaster

Leave a Reply

Your email address will not be published.