Covi fa sua la 20a tappa, Hindley nuovo leader

Per la quarta volta in questa edizione è un azzurro a tagliare per primo uno dei traguardi del Giro d’Italia: si tratta di Alessandro Dusi, che ha trionfato nella 20a tappa. Sul rettilineo finale al termine dei 168 chilometri percorsi da Belluno alla Marmolada, il corridore della UAE Team Emirates si è trovato senza alcuna pressione, vincendo con oltre trenta secondi di distacco dai primi inseguitori. La svolta si è registrata sul passo del Pordoi (Cima Coppi della corsa con i suoi 2239 metri di altitudine), dove il piemontese ha staccato il gruppone di fuga costruendosi un discreto margine di vantaggio, mantenuto fino al nastro d’arrivo. A nulla sono serviti gli sforzi di Domen Novak e Giulio Ciccone, che hanno chiuso rispettivamente in terza e quarta posizione.

Tuttavia, il successo dell’italiano è passato subito in secondo piano, in quanto l’ultimo tratto della frazione ha completamente stravolto gli equilibri della classifica generale. Infatti, Jay Hindley è riuscito a conquistare la maglia rosa e, dunque, il comando della competizione a scapito di Richard Carapaz. L’ecuadoriano è caduto nella trappola della Bora-Hansgrohe, perdendo di fatto la leadership dopo sei giornate di fila. Ora l’australiano conta 1’25” sul ciclista della Ineos Grenadiers a un solo appuntamento dalla conclusione, previsto per domani con la crono individuale di Verona. Si preannuncia un finale appassionante con possibili colpi di scena.

L’ordine d’arrivo della ventesima tappa del Giro

  1. Alessandro Covi 4h 46′ 34”
  2. Domen Novak +32”
  3. Giulio Ciccone +37”
  4. Antonio Pedrero +1’36”
  5. Thymen Arensman +1’50”
  6. Jai Hindley +2’30”
  7. Gijs Leemreize +3’04”
  8. Hugh Carthy +3’19”
  9. Mikel Landa +3’19”
  10. Lennard Kämna +3’39”

La classifica generale aggiornata

  1. Jai Hindley 86h 07′ 19”
  2. Richard Carapaz +1’25”
  3. Mikel Landa +1’51”
  4. Vincenzo Nibali +7’57”
  5. Pello Bilbao +8’55”
  6. Jan Hirt +9’07”
  7. Emanuel Buchmann +11’18”
  8. Domenico Pozzovivo +16’04”
  9. Juan Pedro López +17’29”
  10. Hugh Carthy +17’56”

Author: webmaster

Leave a Reply

Your email address will not be published.